Per Emergenze o Informazioni

Como Acqua ha per oggetto sociale le seguenti attività:
• la gestione delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni patrimoniali strumentali all’erogazione del S.I.I. all’interno del territorio dell’ATO ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 49, c. 1, 2, 3 e 4 della L.R. 26/2003 e s.m.i. nel rispetto di quanto precisato dai Regolamenti Regionali di attuazione applicabili. La gestione comprenderà tutte le operazioni da svolgere per assicurare il corretto e regolare funzionamento dei sistemi di alimentazione, adduzione, distribuzione idrica, la conservazione di tutte le opere civili, macchinari e apparecchiature costituenti il complesso delle opere del S.I.I.. A tale scopo verranno fornite le prestazioni ed i materiali necessari ed occorrenti per la custodia, la conservazione, l’esercizio e la conduzione, la manutenzione ordinaria e programmata, la manutenzione straordinaria, necessarie per la conservazione, il corretto esercizio e la funzionalità delle opere;
• la pianificazione operativa, la progettazione e la realizzazione degli investimenti infrastrutturali previsti dal Piano d’Ambito, destinati all’ampliamento e al potenziamento delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni patrimoniali strumentali all’erogazione del S.I.I. nell’ATO di COMO;
• la pianificazione operativa, la progettazione e la realizzazione degli investimenti infrastrutturali previsti da norme, accordi, convenzioni ovvero da altri strumenti pattizi stipulati dall’Ufficio d’ Ambito con altri soggetti o Istituzioni, pubbliche o private, destinati all’ampliamento e al potenziamento delle reti, degli impianti e delle dotazioni patrimoniali strumentali all’erogazione del S.I.I.;
• la pianificazione operativa, la progettazione e la realizzazione tutti gli interventi di ristrutturazione e valorizzazione delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni patrimoniali, suindicati, necessari per adeguare nel tempo le loro caratteristiche funzionali.

Per quanto riguarda l’erogazione del servizio a rete, s’intende compreso nel servizio ordinario:
• la captazione, l’emungimento, la derivazione e in generale la raccolta delle acque destinate al consumo umano ed in genere civile e industriale;
• l’adduzione di dette acque, il loro accumulo in serbatoi coperti o scoperti, naturali o artificiali;
• la distribuzione fino al contatore compreso;
• le procedure per l’individuazione di fonti idriche alternative e loro introduzione integrativa o sostitutiva nel perseguimento della razionalizzazione, tesa all’economia e alla conservazione, del patrimonio idrico sotterraneo;
• l’attività d’esercizio e conduzione delle opere affidate;
• la manutenzione ordinaria delle opere affidate;
• l’allestimento e il mantenimento dei sistemi di monitoraggio, misure, controllo e telecontrollo dei servizi;
• l’attuazione di quanto contenuto a carico del gestore nelle convenzioni e accordi di programma relativi alle interferenze interambito e interregionali;
• la protezione delle fonti di approvvigionamento;
• la collaborazione necessaria all’ Ufficio d’ Ambito per l’individuazione delle aree di salvaguardia come dall’art. 4 della L. 236/88, così come modificata dal D.lgs. 152/99, integrato dal successivo D.lgs. 258/2000 (d’ora in avanti semplicemente D.lgs.152/99);
• la gestione del S. I. I. fino al contatore dei servizi comuni (antincendio, fontane, bocche di lavaggio stradale, pubblici servizi di decenza, campi nomadi, etc.) nonché la predisposizione di un programma di realizzazione e adeguamento;
• la predisposizione ed esecuzione di un piano di attuazione delle misure atte a realizzare il risparmio idrico così come indicato dalle direttive in essere con possibilità di adeguamento alle future necessità;
• la predisposizione di un piano di emergenza per crisi idriche e successiva applicazione;
• la predisposizione di un piano di recupero perdite idriche con contemporaneo svolgimento della campagna di ricerca sulla base di un programma operativo da articolare con verifiche periodiche e monitoraggio continuo;
• il coordinamento con le società salvaguardate e i gestori all’ingrosso;
• il rapporto con l’utenza e la riscossione della tariffa;
• standard di funzionalità delle opere del S.I.I..